Sbocchi professionali

Il laureato, che grazie al rigoroso percorso di studi acquisirà una solida formazione umanistica, potrà accedere ai seguenti ambiti professionali: scuola secondaria di primo e secondo grado, industria culturale: editoria, giornalismo e comunicazione multimediale; istituzioni specifiche, quali archivi di stato, biblioteche, sovrintendenze; centri di ricerca, agenzie culturali, uffici stampa attivi presso enti ed istituzioni, pubbliche e private, sia italiane che straniere; strutture preposte all’educazione linguistica, anche nel quadro di servizi culturali collegati al carattere multilinguistico e multiculturale della società.
Il laureato, conseguiti i crediti formativi necessari e completati i percorsi di formazione, di abilitazione e i concorsi previsti dalla normativa vigente, potrà svolgere la funzione di docente nelle scuole secondarie di primo e secondo grado nelle classi di riferimento. Inoltre, potrà svolgere funzioni che richiedono competenze specialistiche nell’ambito dell’educazione linguistica e delle applicazioni informatiche alla comunicazione (quali, ad esempio, costituzione di archivi e banche dati, traduzione automatica e creazione consulenza linguistica nella creazione di siti web); attività di ricerca avanzata sul linguaggio, sulle lingue e sui testi letterari; attività professionali di consulenti e collaboratori specialisti nella ricerca medica relativa alla logopedia e alla neurolinguistica.